Quando sarò coperto da fibra ottica? Tutti gli strumenti per verificare la copertura

In tanti si chiedono quando sarà possibile passare alla fibra ottica, tecnologia sempre più indispensabile per navigare veloce in rete. La banda ultra larga oggi è disponibile dai vari operatori telefonici a prezzi accessibili e in molti stanno valutando la possibilità di lasciare la vecchia Adsl per sottoscrivere un abbonamento ad internet veloce. Ma prima di passare agli strumenti necessari per verificare la copertura è necessario fare alcune distinzioni.

 

Sono coperto da Adsl, FTTC o FTTH? Guida ai simboli

Agcom, Autorità garante per le telecomunicazioni, ha introdotto un sistema di simboli per identificare esattamente a quale tecnologia ci si sta abbonando.

ADSL Nel recente passato gli operatori telefonici hanno offerto e continuano ad offrire l’accesso alla rete tramite tecnologia Adsl. Questa consente di ottenere una velocità, tramite cavoin rame, fino a 20 mega in download e 1 mega in upload. Durante la verifica della copertura sui siti dei gestori, se siete coperti da Adsl comparirà il simbolo rosso.

 

FTTC Più recentemente è possibile sottoscrivere ad una connessione FTTC, termine tecnico che in italiano si traduce in “Fibra fino al cabinet”. Fino all’estate 2018, questa tecnologia è stata pubblicizzata come fibra ottica ma dopo l’intervento dell’Agcom è stato necessario eliminare il riferimento alla fibra. E’ riconoscibile dal simbolo di colore arancio.

Questo perchè, con la tecnologia FTTC, la fibra in realtà non arriva fino all’abitazione del cliente ma al più vicino armadio stradale, cabinet appunto, che solitamente si trova ad un massimo di 200-300 metri dalla vostra casa. Dall’armadio stradale fino all’appartamento dell’utente, il collegamento prosegue sul vecchio cavo in rame. Con la connessione FTTC è possibile ottenere una connessione internet fino a 200 Mega in download e 20 mega in upload. Attualmente Tim sta spingendo molto su questa tecnologia in fase di espansione anche nei piccoli e medi comuni. La connessione FTTC è resa disponibile anche dagli altri operatori (Wind 3, Vodafone, Fastweb, Tiscali, ecc) che si appoggiano sulla rete Tim offrendo simili se non identiche prestazioni. 

FTTH Con questo termine  che vuol dire “fibra fino a casa” si può definire la vera e propria fibra ottica che viene portata fino all’abitazione dell’utente. Consente di ottenere una velocità di connessione fino a 1000 mega al secondo in download e 200 mega in upload. Riconoscibile dal simbolo verde, è già disponibile solitamente nelle città più grandi, ma da qualche anno è in fase di espansione nei comuni più piccoli grazie ad Open Fiber, la società di Enel e di Cassa depositi e prestiti, che sta portando la fibra ottima anche nei centri minori. Open Fiber non vende direttamente l’abbonamento ai clienti, ma affitta la propria rete ai vari gestori di telefonia italiani che poi la rivendono agli utenti finali (tra i più noti, Wind 3, Vodafone, Fastweb e Tiscali). In alcune aree la connessione FTTH è offerta anche da Flash Fiber (società di Tim e Fastweb).

 

Come verificare la copertura FTTC di Tim?

Ci sono alcuni metodi per conoscere la copertura FTTC di Tim. Il primo, naturalmente, è quello di collegarsi al sito ufficiale del gestore ed inserire il proprio indirizzo. Se la connessione proposta è a 100 o 200 mega allora si è coperti in tecnologia FTTC, riconoscibile dal bollino arancio “Misto Fibra-Rame”

Un secondo metodo molto più interessante è offerto dal sito Fibra.click. Inserendo il proprio comune, è possibile sapere se siete raggiunti da tecnologia FTTC o quando sarà disponibile. Le informazioni visualizzate sono estratte dal database TIM e vengono aggiornate ogni lunedì pomeriggio. Individuando il proprio armadio stradale al quale si è collegati, rispetto al sito ufficiale Tim è possibile sapere se il servizio è stato pianificato e la data indicativa della disponibilità.

Altri metodi per verificare la copertura FTTC sono disponibili sui siti di Fibermap e Planetel, che danno indicazioni anche sulla distanza tra la vostra abitazione e l’armadio stradale. Più breve sarà la distanza, maggiore sarà la velocità di connessione. Per  ottenere prestazioni ottimali non dovrebbe superare i 150 metri circa.

Come verificare la copertura FTTH?

E’ possibile verificare la copertura FTTC direttamente sui siti web dei vari gestori (Wind, 3 fiber, Tiscali, Fastweb, Vodafone, ecc). I siti degli operatori danno informazioni sulla copertura già esistente.

Sul sito web di Open Fiber è anche disponibile una mappa delle città già raggiunte dal servizio. Se rientrate in una delle aree che saranno coperte grazie al bando Infratel è disponibile anche questa mappa con l’indicazione presunta della partenza dei lavori per la fibra.

 

___________________________

Ti consigliamo:  
Condividi questo articolo
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Autore dell'articolo: Francesco Previti

29 anni, giornalista, laureato in Comunicazione, con la passione per la tecnologia. Amo il cibo, la natura e la fotografia. 📷Seguimi sul mio profilo Instagram > 📹 Mi trovi anche su Youtube >