Dal primo dicembre per i nuovi contratti e dal primo gennaio 2019 per quelli già attivi, scatta il diritto al “modem libero” per i clienti abbonati ai servizi fibra e adsl. La norma è stata voluta dall’Agcom per consentire ai consumatori di scegliere il prodotto da utilizzare anziché essere obbligati dagli operatori che solitamente lo fanno pagare per tanti mesi.

Loading...

Fino ad ora infatti, i modem venduti “a rate” dai gestori di telefonia, solitamente hanno avuto un costo più alto rispetto ai prezzi di mercato. E se si cambia gestore non è stato possibile, fino ad ora, utilizzare il modem già in possesso dal cliente.

Per i già clienti, dal primo gennaio l’operatore dovrà togliere ogni eventuale blocco a usare modem alternativi. Per gli utenti che stanno pagando per il modem, dovrà scegliere tra due strade. La prima è passare l’utente a un’offerta in cui il modem diventa gratis (e senza vincoli).La seconda è consentire la disdetta gratuita, restituendo il modem ma senza la possibilità di rimborso per le rate già versate.

Loading...

Per i nuovi contratti, dal primo dicembre, come già scritto da Tim sul proprio sito, le offerte dovranno essere in due versioni: con o senza modem dell’operatore. Se l’utente sceglie di usare il modem fornito dall’operatore a pagamento, ha – per regole Agcom – il diritto di averlo “sbloccato” e quindi di usarlo anche con altri contratti.  L’operatore deve inoltre indicare nell’offerta con modem incluso il suo costo scorporato.

Se sei interessato alla telefonia, segui 5Gnews sulla pagina Facebook e sul canale Telegram.

Give a Comment