I clienti che ricaricano in ritardo si vedranno addebitare fino a 1,98 euro in più

wind ricarica

Meglio non dimenticarsi di fare la ricarica alla propria sim Wind. Arriva un’altra stangata per i clienti mobili Wind. Il gestore arancione, dopo introdotto i tagli di ricarica “Super”, annuncia oggi nuova modifica contrattuale per molti si tradurrà in un aumento del costo mensile.

Loading...

Se fino ad ora chi non ricaricava in tempo utile poteva continuare ad utilizzare la propria offerta con minuti e internet per un giorno solare (fino a mezzanotte) al costo di 99 centesimi, a partire da dicembre, sarà possibile utilizzare la propria offerta per altro giorno solare, al costo di altri 99 centesimi (a credito zero). In sintesi, se ricaricate in ritardo di due giorni la vostra sim, vi vedrete addebitare un costo aggiuntivo di 1,98 euro, oltre al costo mensile della vostra offerta.

La modifica contrattuale non si applica se avete attivato l’opzione “Autoricarica” e se non avete offerte attive sulla vostra sim. Sarete avvisati via SMS della nuova “rimodulazione”. Anche Tim e Vodafone, nei mesi scorsi, hanno annunciato una novità simile. Dunque, anche con Wind meglio ricordarsi in tempo di fare la ricarica.

Wind, attenzione alla ricarica. Il comunicato ufficiale

A partire dal 2 dicembre 2019, per esigenze legate all’andamento del mercato, ogni volta che il credito e’ insufficiente per l’attivazione e il rinnovo delle opzioni attive sulla SIM, ad eccezione dei costi relativi alle offerte roaming, il traffico incluso non sara’ bloccato, per assicurare continuità del servizio, e sarà reso disponibile per un 1 giorno solare (fino alle 23.59) al costo di 0,99 euro. Qualora il giorno successivo il credito fosse ancora insufficiente, il traffico incluso sarà nuovamente disponibile per ulteriori 2 giorni al costo di 0,99 euro. Tali importi non si applicano se è attivo il servizio Autoricarica. L’anticipo del traffico sarà reso disponibile più volte al mese. Tale modifica è valida per le opzioni che prevedono traffico incluso attive sulla tua SIM.

Al termine dei giorni in cui il traffico incluso è reso disponibile anticipatamente, nel caso in cui il credito fosse ancora insufficiente, la SIM rimarrà attiva in ricezione o per effettuare chiamate di emergenza. Il costo verrà addebitato nella prima ricarica utile, in aggiunta a quello di rinnovo dell’offerta o costo di attivazione.

Loading...

Tutti i Clienti Wind interessati dalle modifiche, riceveranno una comunicazione via SMS a partire dal 29 ottobre2019.

Per non restare mai senza credito, attiva il servizio Autoricarica. Tale servizio ti permette di avere sempre credito disponibile al momento del rinnovo delle opzioni con traffico incluso, evitando così l’anticipo del traffico incluso, al costo di 0,99 euro per il primo giorno solare e 0,99 euro per i successivi 2 giorni in caso di credito ancora insufficiente.
Puoi controllare il tuo credito dall’App MyWind, dall’Area Clienti Wind.

Modalità per esercitare il Diritto di Recesso
Come previsto dall’art. 70 comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche, qualora non accettassi le suddette modifiche, potrai esercitare il diritto di recesso dai servizi Wind o passare a un altro operatore senza penali né costi di disattivazione, entro il giorno prima della variazione, vale a dire trascorsi i 30 giorni previsti dalla ricezione dell’SMS informativo specifico, inviando una comunicazione con causale di recesso: “modifica delle condizioni contrattuali” attraverso uno dei seguenti canali: lettera raccomandata A/R al seguente indirizzo: WIND Tre SpA. – Servizio Disdette – Casella Postale 14155 – Ufficio Postale Milano 65 – 20152 Milano PEC all’indirizzo [email protected]punto vendita Wind abilitati, chiamata al 155 per acquisire la sua richiesta ed accertando la sua identità inviando una richiesta da Area Clienti Wind dalla sezione Assistenza Guidata.
In caso di passaggio ad altro operatore con mantenimento del numero, oltre ad inviare la comunicazione di recesso, è necessario effettuare la richiesta di passaggio direttamente all’altro operatore entro il giorno prima della variazione.
Qualora decidessi di recedere e alla linea interessata dalla presente proposta di modifica fosse associato un contratto per l’acquisto rateizzato di un prodotto in corso di vigenza (es. telefono, Tablet, etc.), nella suddetta comunicazione e prima di recedere dal contratto o passare ad altro operatore, potrai decidere se pagare le rate residue anche in un’unica soluzione o mantenere attiva la rateizzazione, indicando tale scelta nella comunicazione che ci invierai.

Se sei interessato alla telefonia, segui 5Gnews sulla pagina Facebook e sul canale Telegram.

Give a Comment