Chi ricarica in ritardo la propria sim Wind da oggi si vedrà addebitare quasi 2 euro in più.
wind aumento 2 euro

Entra in vigore da oggi un’altra stangata per i clienti mobili Wind. Una notizia che avevamo già annunciato nei mesi scorsi. Se fino ad ieri chi non ricaricava in tempo utile poteva continuare ad utilizzare la propria offerta con minuti e internet per un giorno solare (fino a mezzanotte) al costo di 99 centesimi, a partire da oggi 2 dicembre, è possibile continuare a utilizzare la propria offerta per altro giorno solare, al costo di altri 99 centesimi (a credito zero). In sintesi, se ricaricate in ritardo di due giorni la vostra sim, vi vedrete addebitare un costo aggiuntivo di 1,98 euro, oltre al costo mensile della vostra offerta. Un aumento di quasi due euro per i clienti Wind.

Loading...

La modifica contrattuale non si applica se avete attivato l’opzione “Autoricarica” e se non avete offerte attive sulla vostra sim. Anche Tim e Vodafone, nei mesi scorsi, hanno annunciato una novità simile.

Wind: aumento di 2 euro per chi ricarica in ritardo

Il comunicato sul sito ufficiale Wind. A partire dal 2 dicembre 2019, per esigenze legate all’andamento del mercato, ogni volta che il credito e’ insufficiente per l’attivazione e il rinnovo delle opzioni attive sulla SIM, ad eccezione dei costi relativi alle offerte roaming, il traffico incluso non sara’ bloccato, per assicurare continuità del servizio, e sarà reso disponibile per un 1 giorno solare (fino alle 23.59) al costo di 0,99 euro. Qualora il giorno successivo il credito fosse ancora insufficiente, il traffico incluso sarà nuovamente disponibile per ulteriori 2 giorni al costo di 0,99 euro. Tali importi non si applicano se è attivo il servizio Autoricarica. L’anticipo del traffico sarà reso disponibile più volte al mese. Tale modifica è valida per le opzioni che prevedono traffico incluso attive sulla tua SIM.

Al termine dei giorni in cui il traffico incluso è reso disponibile anticipatamente, nel caso in cui il credito fosse ancora insufficiente, la SIM rimarrà attiva in ricezione o per effettuare chiamate di emergenza. Il costo verrà addebitato nella prima ricarica utile, in aggiunta a quello di rinnovo dell’offerta o costo di attivazione.

Tutti i Clienti Wind interessati dalle modifiche, riceveranno una comunicazione via SMS a partire dal 29 ottobre 2019.

Per non restare mai senza credito, attiva il servizio Autoricarica. Tale servizio ti permette di avere sempre credito disponibile al momento del rinnovo delle opzioni con traffico incluso, evitando così l’anticipo del traffico incluso, al costo di 0,99 euro per il primo giorno solare e 0,99 euro per i successivi 2 giorni in caso di credito ancora insufficiente.
Puoi controllare il tuo credito dall’App MyWind, dall’Area Clienti Wind.

Loading...

Wind, evitare l’aumento di 2 euro

L’unico modo per evitare l’aumento di 2 euro sulla propria sim Wind, è quello di ricaricare in tempo utile il credito residuo per evirare di finire a zero. In alternativa era possibile esercitare il recesso del contratto come previsto dall’art. 70 comma 4 del Codice delle Comunicazioni Elettroniche. Ma purtroppo non ci sono più i tempi: il recesso infatti fa esercitato subito dopo la comunicazione della modifica contrattuale che avviene 30 giorni prima e comunque prima della sua entrata in vigore.

L’aumento di 2 euro è stato annunciato da Wind lo scorso ottobre a pochi giorni dall’introduzione dei tagli di ricarica “Super”.

Se sei interessato alla telefonia, segui 5Gnews sulla pagina Facebook e sul canale Telegram.

Give a Comment