L’app immuni è quasi pronta. Il rilascio avverrà nei primi giorni di giugno.
codice sorgente app immuni

Pubblicato dal Ministero dell’innovazione il codice sorgente dell’app Immuni. Riguarda sia il sistema Android che iOs. Dai documenti si vede il logo dell’app: un omino bianco in un cerchio blu. Il codice sorgente dell’app immuni è il profilo dell’applicazione espresso nel linguaggio informatico di programmazione. La sua pubblicazione, con il link presente sul portale del dicastero, rappresenta un’altra tappa del percorso che guarda al lancio di Immuni. L’applicazione servirà a tracciare i contagi ed evitare la diffussione incontrollata del coronavirus.

Loading...

L’applicazione “sarà disponibile tra 10-15 giorni, per i primi di giugno”. Lo ha detto Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. “Rientra in una riorganizzazione della medicina territoriale e della medicina preventiva – ha aggiunto – è un tracing importantissimo e quando sarà attivo darà ulteriori informazioni su tracciamento e diffusione della malattia”.

La sperimentazione dell’app partira’ in tre regioni, al nord, al centro e al Sud. E’ quanto apprende l’ANSA mentre e’ in corso l’incontro tra i ministri dell’Innovazione Pisano, della Salute Speranza e le regioni proprio sulle ultime fasi di avvio. Al via libera si e’ aggiunto anche l’invio della attesa relazione da parte del ministero della salute al garante della privacy.

Il Garante Soro ha detto in una audizione che “allo stato la norma trasmessa dal governo al Parlamento risponde alle richieste che avevamo fatto”.

Loading...

E sull’app è intervenuto anche il sindaco di Milano, Beppe Sala. L’app da sola “non serve a niente – ha detto – servono i tracciatori, cioè migliaia di persone che prendono ciò che la app segnala, la decifrano e da ciò permettono di intervenire. All’estero ne stanno assumendo a migliaia, da noi non se ne parla. Come si parla ancora poco di test e tamponi. E io insisterò fino alla noia”, ha sottolineato.

Se sei interessato alla telefonia, segui 5Gnews sulla pagina Facebook e sul canale Telegram.

Give a Comment