differenza tra 5G e 4G

Qual è la differenza tra 5G e 4G? Sono in molti a chiederselo dopo che si sente sempre più spesso parlare di 5G. Gli operatori telefonici italiani infatti hanno lanciato commercialmente la nuova rete che sta cominciando a diffondersi in tutta la nazione.

Loading...

E allora quali sono le principali differenze tra 5G e 4G? Scopriamole in questo articolo.

Differenza tra 5G e 4G: ecco le principali

Il 5G rappresenta l’insieme delle tecnologie e degli standard di telefonia mobile di quinta generazione. La prima è stata la rete TACS, che si potrebbe definire come 1G, poi c’è stata la rete GSM, ovvero 2G. Poi è arrivata la rete UMTS o 3G che ci ha consentito di fare le prime connessioni di massa su internet. Attualmente la rete più utilizzata è la rete 4G o LTE che ci consente di navigare su internet a velocità più elevata.

Differenza tra 5G e 4G: velocità molto più elevata

Il 5G dunque rappresenta una ulteriore evoluzione rispetto al 4G. Consentirà prima di tutto di andare ancora più veloci su internet. Pensiamo oggi a quante applicazioni utilizziamo per lo streaming video, per l’intrattenimento, per la didattica a distanza e per lo smart working.

Oggi la gran parte dei contenuti multimediali che vediamo sul web sono rappresentati da video. Dunque per visualizzare questi contenuti è necessario aumentare la velocità di connessione per una fruizione fluida, senza intoppi e di alta qualità.  A livello teorico la nuova rete 5G potrebbe raggiungere i 20 Gbps contro 1 Gbps promesso sulla carta dalle connessioni 4G. 

Loading...

Differenza tra 5G e 4G: latenza ridotta

Un’altra differenza tra 5G e 4G è la minore latenza (ping) che si ottiene con la nuova tecnologia. Si tratta dell’intervallo di tempo, misurato in millisecondi, che intercorre tra l’invio di un segnale e la ricezione della risposta. Pensate, per esempio, a quando fare clic su un link di una pagina web. E’ il tempo impiegato tra il vostro click e l’inizio del caricamento della pagina. Nelle connessioni in 4G la latenza si aggira attorno ai 40 ms. Nelle connessioni 5G questo valore viene quasi azzerato o comunque è molto più basso.

Proprio grazie alla bassa latenza, il 5G consentirà di connettere centinaia di dispositivi che utilizziamo giornalmente, dall’automobile al frigorifero. Ma potrebbe portare importanti novità in campo sanitario (operazioni e controllo medico a distanza), nell’agricoltura (impiego di droni) e nei cantieri di lavoro (mezzi che si guidano a distanza). Ci vorranno alcuni anni per arrivare ad un impiego così avanzato della tecnologia.

Se vuoi saperne di più sulla tecnologia 5G, le offerte degli operatori telefonici e la copertura in Italia, leggi la nostra guida.

Se sei interessato alla telefonia, segui 5Gnews sulla pagina Facebook e sul canale Telegram.